Eja

Le cose che restano
Trascorse le lacrime
Quelle che passano
In second’ordine

È tutto da scrivere
Pagine e pagine
Su delle macchine
Coi tasti per battere

Scandito nelle vene
Un tempo di parole
Rimaste buone buone
Confuse in fondo al cuore

A su primu chintale ‘e s’anima
Impallidit s’arbeschida
A su primu chintale ‘e s’anima
Nono, nono diventat eja
Nono diventat eja
E sas cosas chi faghen male
Sunu che neulas a s’ora de su sole

È tutto da scrivere
Pagine e pagine
Di note a margine
Sotto una cenere

Che fuma di parole
Ancora da soffiare
Ché il fuoco del dolore
Finisca di bruciare

A su primu chintale ‘e s’anima
Impallidit s’arbeschida
A su primu chintale ‘e s’anima
Nono, nono diventat eja
Nono diventat eja
E sas cosas chi faghen male
Sunu che neulas a s’ora de su sole

Le cose che restano
Le cose che mancano.

(2002 – di Franco Castia e Mario Chessa)

© 2020 - Bertas Official Website - Tutti i diritti riservati

Legge 124/2017 Privacy Policy